Menù
OPERE-PITTPZZFI-LORETTACAVICCHI-INSIEME

DISEGNO LORETTA CAVICCHI " INSIEME " dimensioni L 30,5 x H 36,5 cm.

Disegno - Titolo " Insieme " by Loretta Cavicchi . Anno 2016 - Dimensioni L 30,5 x H 36,5 cm. Matita su carta. Opera Unica - Certificato di autenticità.

Disegno - Titolo " Insieme " by Loretta Cavicchi.

Anno 2016 - Dimensioni L 30,5 x H 36,5 cm. Matita su carta.

Opera Unica - Certificato di autenticità.


PRODOTTO A PREVENTIVO

Questo è un articolo che richiede la generazione di un offerta riservata.
Aggiungetelo alla lista assieme ad altri eventuali prodotti, confermando il carrello vi verrà chiesto indirizzo e modalità di pagamento che desiderate, senza impegno vi invieremo un offerta via email.


Prezzo: 600,00 IVA incl. / Pz
Disponibili 1
#Loretta Cavicchi #Pittura #Figurativo #Matita

Destinazione Merce:
Spese Spedizione: ...
Tempi di Consegna: ...
Consegna prevista: ...



Descrizione: DISEGNO LORETTA CAVICCHI " INSIEME " dimensioni L 30,5 x H 36,5 cm.


Disegno - Titolo " Insieme " by Loretta Cavicchi.

Anno 2016 - Dimensioni L 30,5 x H 36,5 cm. Matita su carta.

Opera Unica - Certificato di autenticità.

L'arte figurativa riguarda la rappresentazione di immagini riconoscibili del mondo intorno a noi, a volte fedeli e accurate, a volte altamente distorte. Non ha importanza l’estrema fedeltà al reale, purché questo venga in qualche modo raffigurato.

La pittura è l'arte che consiste nell'applicare dei pigmenti a un supporto per lo più bidimensionale, come la carta, la tela, la ceramica, il legno, il vetro, una lastra metallica o una parete. Il risultato è un'immagine che, a seconda delle intenzioni dell'autore, esprime la sua percezione del mondo o una libera associazione di forme o un qualsiasi altro significato, a seconda della sua creatività, del suo gusto estetico e di quello della società di cui fa parte. Chi dipinge è detto pittore o pittrice, mentre il prodotto finale è detto dipinto.


Loretta Cavicchi

Profilo biografico:

Loretta Cavicchi si è diplomata in pittura e scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna, avendo come docenti, tra gli altri, Luciano De Vita, Paolo Manaresi, Quinto Ghermandi, Nicola Zamboni, Giuseppe Milesi e Pompilio Mandelli. Ha frequentato per diversi anni il Laboratorio di incisione di Mario Leoni. Dagli anni Ottanta ha esposto presso Gallerie in Italia e all’estero, si è dedicata all’insegnamento di discipline artistiche, e per un lungo periodo ha collaborato con l’Istituto di Cultura Germanica di Bologna progettando una serie di mostre-eventi.

La sua poetica è una riflessione sul volto e la figura come laboratorio di ricerca, nella consapevolezza che la mente e il corpo sono i luoghi in cui si disputano tutte le sfide della piena umanità. L’attenzione è concentrata particolarmente su visi e mani, centri di potenza espressiva, lasciando all’indeterminatezza del segno il resto, che ancora attende, con intensa emotività e profonda elaborazione di pensiero, una possibile trasformazione.


Curriculum  artistico

Premi e riconoscimenti:

Premio Grafico Accademia Clementina di Bologna.

Borsa di studio pluriennale del Collegio Artistico Venturoli di Bologna.

Premio Cosmè Tura per la scultura, Ferrara.

Selezione alla Mostra Internazionale degli Illustratori presso la Fiera di Bologna

Selezione pluriennale alla Biennale del Bronzetto Dantesco di Ravenna.


Mostre personali:

1985 Pastelli e Terrecotte, Galleria d'Azeglio, Bologna. Curatori: Francesca Donati e Maria Bagnoli.

1987 Sculture. Pastelli e Disegni, Galleria d'Azeglio, Bologna. Curatori: Francesca Donati e Luciano Bertacchini.

1990 Pastelli e Terrecotte ,Villa Aldrovandi Mazzacorati, Bologna.

1993 La Figura ritrovata, Galleria L'Ariete, Bologna. Curatori: Patrizia Raimondi e Marilena Pasquali

2006 Angeli della Terra. Per il sostegno dell’infanzia disagiata di Grand – Bassam in Costa d’Avorio. Sala espositiva dell’Antoniano, Bologna.

2012 Ostinata Illusione, Sassetti Cultura, Milano, Curatore: Gabriele Guglielmino.

2014 TRASFORM/AZIONE, Sala Museale del Baraccano, Bologna. Curatore: Valerio Dehò.

Catalogo della mostra: TRASFORM/AZIONE, a cura di Valerio Dehò, Campanotto Editore, Pasian di Prato (UD) 2014.

2014 In occasione della rassegna del Libro d’Arte, realizza Hölderlin, Lasciarsi ritrovare, un libro d’artista lungo 37 metri, esposto nella Sala Museale del Baraccano di Bologna (2014).

2016 Metamorfosi in arte e in alto, Siusi (BZ) casa della Cultura. Nell’ambito della manifestazione Silenzi d’Alpe, a cura di Francesco Marchioro. Per l’occasione è stato presentato un video sull’opera dell’Artista.

2019 Assenza di gravità, Galleria Wikiarte, Bologna.


Ha inoltre partecipato a innumerevoli mostre collettive tra cui si segnalano:

1986 Mostra internazionale degli Illustratori di libri per ragazzi, Fiera di Bologna.

1996 La porta per la città di Dante, Purgatorio, XII edizione della Biennale del bronzetto dantesco, Ravenna.

1998 La porta per la città di Dante, Paradiso, XIII edizione della Biennale del bronzetto dantesco, Ravenna.

2003 Dante europeo, XIV edizione della Biennale del bronzetto dantesco, Ravenna.

2004 Il Nudo. Maestri primo ‘900 e autori contemporanei, Galleria D’Azeglio, Bologna.

2007 International Messe für zeitgenössicsche Kunst di Innsbruck.

2015 Angelo Venturoli, Tra l’opera, il Collegio e la sua eredità. I borsisti dal 1930 al 1980. Crespellano di Valsamoggia e Bologna, Palazzo Garagnani, Galleria Arti Figurative, a cura di Alberto Rodella, Eta Editori, Bologna

2015 Da Quinto Ghermandi ad oggi: la scultura a Bologna nel ‘900, Galleria d’Arte del Caminetto, Bologna.

2017 Art Experience, Galleria Wikiarte Bologna.

2019 Con gli occhi di Mucha Galleria Wikiarte Bologna.

2019 Rassegna dei Presepi, Loggione monumentale Chiesa San Giovanni in Monte, Bologna.

2020 Segni, Fondazione Mazzoleni, Alzano Lomabrdo (Bergamo).

 

Dal 1997 ha fatto parte del gruppo di ricerca visuale ut pictura poësis, per il quale ha realizzato i seguenti progetti visivi curati da Umberto Leotti:

1997 Progetto Franz Schubert, Istituto di Cultura Germanica, Bologna.

1998 Progetto Gershwin, Cabaret Voltaire, Bologna.

1998 Progetto Hildegard von Bingen, Istituto di Cultura Germanica, Bologna.

1999 Progetto Goethe: Staub zu beleben, Istituto di Cultura Germanica, Bologna.

2000 Hildegard von Bingen: il mondo, il corpo e la melanconia, Associazione Focus, Imola.

2000 Progetto J.S. Bach, Capriccio sopra la lontananza del suo fratello dilettissimo, Istituto di Cultura Germanica, BO

2001 Progetto J.S. Bach, Capriccio sopra la lontananza del suo fratello dilettissimo e Istituto di Cultura Germanica, Pesaro.

2001 Progetto Kurt Weill, From Berlin to Broadway,  Associazione Focus, Imola.

2001 Progetto Novalis: Was fesselt mich an irdische Beschwerden, Istituto di Cultura Germanica, Bologna e di Pesaro.

2002 Schubert e Goethe fra Classicismo e Romanticismo, Istituto di Cultura Germanica, Bologna.

2003 Progetto Hermann Hesse: dappertutto  e in nessun luogo, tentativi di città, tentativi di parole, tentativi di uomini, Istituto di Cultura Germanica, Bologna.

2003 Vidi una Luce, Mistero della beata Hildegard von Bingen, da un testo teatrale di Grytzko Mascioni, Istituto di Cultura Germanica, Bologna.

2003 Dal Reno al Reno, in occasione del  50° anniversario dell’Istituto di cultura Germanica di Bologna.

2004 Musica e sentimento nei Lieder di Schubert: Istituto di Cultura Germanica di Bologna

2004 Progetto Teilhard de Chardin, Università Gregoriana, Roma. Parigi e Clermont Ferrand.

2005 Einstein e Teilhard de Chardin. Le frontiere della scienza. Istituto di Cultura Germanica, Bologna.

2020 Albert Schweitzer, Costruirsi nella foresta vergine. Goethe Zentrum, Bologna.

Hanno scritto del suo lavoro, tra gli altri, con saggi o interventi critici: Luciano Bertacchini, Nicoletta Magnoni, Angiolo Silvio Ori, Marilena Pasquali, Roberto Vitali, Gabriele Guglielmino, Daniele Goldoni, Claudio Widmann, Valerio Dehò.

 

Vedi le opere di Loretta Cavicchi




 

 

 

Richiesta Informazioni


OPERE CORRELATE

© 2021 - ArtOnline20 S.R.L.
Live Chat offline

L' Assistente Personale è impegnato, inviaci un messaggio.