Menù
OPERE-PITTPMMPA-FRANCESCADIMARTINO-HARANBANJOII

MIXED MEDIA FRANCESCA DI MARTINO ' HARAN BANJO II ' dimensioni L 60 x H 70 cm.

Olio e acrilico su tela - Titolo " Haran Banjo II " by Francesca Di Martino . Anno 2018 - Dimensioni L 60 x H 70 cm. - Opera con cornice. Opera Unica - Certificato di... continua

Olio e acrilico su tela - Titolo " Haran Banjo II " by Francesca Di Martino.

Anno 2018 - Dimensioni L 60 x H 70 cm. - Opera con cornice.

Opera Unica - Certificato di autenticità.

La serie " Manga p'a capa (anime) ".

"Manga p'a capa " è una serie di ritratti dei volti più noti tra i personaggi dei fumetti degli anni '70 - '90 dei manga giapponesi: Lady Oscar, Haran Banjo, Aoto Date, Lupin III, Fujico Mine, Lamù, Georgie. Personaggi che rappresentano frame della memoria dell'artista oltre che di quella collettiva di una certa generazione. L'artista condivide quelli che sono stati momenti di pura felicita al solo rivedere il logo delle emittente televisiva che trasmetteva questo fumetto. E se qualcuno dovesse chiedersi se si tratta di un caso di Sindrome di Peter Pan? La sorridente risposta dell'autrice è " Manga p'a capa! " .


PRODOTTO A PREVENTIVO

Questo è un articolo che richiede la generazione di un offerta riservata.
Aggiungetelo alla lista assieme ad altri eventuali prodotti, confermando il carrello vi verrà chiesto indirizzo e modalità di pagamento che desiderate, senza impegno vi invieremo un offerta via email.


Prezzo: 3.250,00 IVA incl. / Pz
Disponibili 1
#Francesca Di Martino #Pittura #Pop Art #60x70 #Mixed Media

Destinazione Merce:
Spese Spedizione: ...
Tempi di Consegna: ...
Consegna prevista: ...



Descrizione: MIXED MEDIA FRANCESCA DI MARTINO ' HARAN BANJO II ' dimensioni L 60 x H 70 cm.


Olio e acrilico su tela - Titolo " Haran Banjo II " by Francesca Di Martino.

Anno 2018 - Dimensioni L 60 x H 70 cm. - Opera con cornice.

Opera Unica - Certificato di autenticità.

La serie " Manga p'a capa (anime) ".

"Manga p'a capa " è una serie di ritratti dei volti più noti tra i personaggi dei fumetti degli anni '70 - '90 dei manga giapponesi: Lady Oscar, Haran Banjo, Aoto Date, Lupin III, Fujico Mine, Lamù, Georgie. Personaggi che rappresentano frame della memoria dell'artista oltre che di quella collettiva di una certa generazione. L'artista condivide quelli che sono stati momenti di pura felicita al solo rivedere il logo delle emittente televisiva che trasmetteva questo fumetto. E se qualcuno dovesse chiedersi se si tratta di un caso di Sindrome di Peter Pan? La sorridente risposta dell'autrice è " Manga p'a capa! " .

La Pop Art è un movimento artistico nato nel Regno Unito e negli Stati Uniti tra la fine degli anni '50 e l'inizio degli anni '60. 

Questo movimento è espressione della società e dell'immaginario collettivo, ed è un'arte rivolta alla massa e non al singolo collettivo.

E' chiamata così poiché deriva proprio dal termine inglese "popular art" , sempre pronta a guardare ed assimilare stimoli provenienti dalla società esterna.

Art mixed-media tradotto è arte misto materiale (la tecnica mista o miscellanea denominata in Italia).
E’ una forma d’arte molto moderna e popolare che nasce delle arti visive fondamentali che sono: la pittura, il disegno e la scultura. I media misti sono un'opera d'arte
in cui sono stati impiegati più di un supporto o materiale. Assemblaggi e collage sono due esempi comuni di arte che utilizzano media diversi che faranno uso di materiali diversi tra cui: stoffa, carta, legno e oggetti trovati.

La pittura è l'arte che consiste nell'applicare dei pigmenti a un supporto per lo più bidimensionale, come la carta, la tela, la ceramica, il legno, il vetro, una lastra metallica o una parete. Il risultato è un'immagine che, a seconda delle intenzioni dell'autore, esprime la sua percezione del mondo o una libera associazione di forme o un qualsiasi altro significato, a seconda della sua creatività, del suo gusto estetico e di quello della società di cui fa parte. Chi dipinge è detto pittore o pittrice, mentre il prodotto finale è detto dipinto.


Francesca Di Martino

Si diploma al Liceo Artistico Statale di Napoli e si laurea in Scenografia, specializzandosi in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo, indirizzo Pittura, all'Accademia di Belle Arti di Napoli. Nel 1999 vince il concorso di pittura “Premio Alfonso Marquez”, Portici, (Na). Di lì in poi partecipa a collettive d’arte contemporanea, concorsi, esposizioni personali, e performances pittorico – teatrali, nelle quali esprime a pieno la propria natura poliedrica.

Con la prima personale del 2011, “Uccidi il tuo maestro”, presso lo spazio letterario Caffè dell’Epoca, Napoli, espone una galleria di ritratti dei propri maestri. E’ presente con alcuni murales nel “museo a cielo aperto” di Diamante, (Cs). Nel 2015, con la personale “Dentro e fuori di me”, all’interno della rassegna “Facciamo i conti con l’arte”, presso la sede della Banca Popolare del Mediterraneo, Napoli, conferma il proprio interesse per il volto e l’animo umano.

In occasione della commemorazione ufficiale per Pino Daniele, presso il Maschio Angioino, Napoli, vince il concorso “Una cartolina per Pino”. Nella personale dal titolo “Manga p’a capa” per la rassegna “Human portraits”, svoltasi presso gli spazi di Fonoteca, Napoli, espone una galleria di ritratti estrapolati dalle anime di alcuni famosi manga anni ‘70 – ’90, che saranno esposti alla collettiva “Biennale del Fumetto nell’Arte”,  a cura di Elena Ferrari, Passpartout Gallery, presso Atahotel Expo Fiera Milano e ai padiglioni del Carousel du Louvre di Cannes e di Parigi.

Partecipa al NAF Napoli Arte Fiera, prima mostra mercato di arte moderna e contemporanea, con l’associazione culturale La Fenice e Resetart, Mostra D’Oltremare, Napoli. Partecipa alla collettiva Un Eco per tutti”, a cura di Linda Irace e Tony Stefanucci, Museo Archeologico Nazionale di Napoli e alla Miami Beach Regional Library, Florida.

Partecipa alla 19h Generative Art Conference GA2016 “Empathize with my Gaze” in collaborazione con il Centro di Progettazione e di Ricerca di Ateneo Scienza Nuova, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, Napoli, presso l’Auditorium della CRF Foundation, Firenze. Partecipazione attraverso il “ritratto di Carlo di Borbone” e relativa schedatura alla pubblicazione “Carlo L’utopia di un Regno” edizioni Paparo, promosso da DATABANC e dalla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli.

Nella personale “Decade 2007/2017”, al Museo Civico Casa della Corte di Agerola, Napoli, espone una selezione delle opere relative all’ultimo decennio della propria produzione. “Storie” è la mostra personale del 2018 che inaugura lo spazio espositivo Am Studio di Antonio e Alessandro Minervini, Napoli. E’ presente nel Catalogo dell’Arte Moderna, gli artisti italiani dal primo novecento ad oggi, n 53, editoriale Giorgio Mondadori.

E’ presente in “Percorsi d’Arte in Italia 2017”, a cura di Giorgio Di Genova, Enzo Le Pera, Rubbettino editore.

Le sue opera sono acquisite: ne Le collezioni della Fondazione Circolo Artistico Politecnico di Napoli il cui catalogo è a cura di Isabella Valente, Guida editori; nel Complesso Museale dei Girolamini di Napoli; nel Museo del Presepe di Rivisondoli; nel Museo Civico di Santa Maria Capua Vetere; nel Museo Civico Casa della Corte di Agerola, Napoli.

Nel 2019 vince il primo premio, nella sezione pittura, della prima edizione del “Creative World”, S. Gennaro Vesuviano, Napoli.

“Francesca Di Martino costruisce ritratti con la violenta oggettività del suo segno, della sua pennellata rielaborata, fatta di colore impulsivo e dinamico, la gamma di emozioni e di persistenze della memoria che contraddicono la precarietà dell’effimero dell’immagine fisica e temporale e le trame degli equivoci esistenziali del destino, del proprio e dell’altrui”. (Silvano Saccone)


Vedi le opere di Francesca Di Martino


Richiesta Informazioni


© 2021 - ArtOnline20 S.R.L.
Live Chat offline

L' Assistente Personale è impegnato, inviaci un messaggio.