Menù
OPERE-FOTOFZZUA-GUSEBORNEMANN-LAGHETTODELLENINFEE

FOTOGRAFIA GUSE - BORNEMANN ' LAGHETTO DELLE NINFEE ' dimensioni L 75 x H 50 cm.

Fotografia - Titolo " Laghetto delle Ninfee " by Ruth Güse e Dorothea Bornemann . Tecnica: diapositiva 9 x 12 cm. sviluppo E6 processi alternativi. Stampa su ChromaLux... continua

Fotografia - Titolo " Laghetto delle Ninfee " by Ruth Güse e Dorothea Bornemann.

Tecnica: diapositiva 9 x 12 cm. sviluppo E6 processi alternativi.

Stampa su ChromaLux con la superficie lucida, retro illuminata.

Anno 2020 - Dimensioni L 75 x H 50 cm. - Senza cornice.

Opera Unica - Certificato di autenticità.


PRODOTTO A PREVENTIVO

Questo è un articolo che richiede la generazione di un offerta riservata.
Aggiungetelo alla lista assieme ad altri eventuali prodotti, confermando il carrello vi verrà chiesto indirizzo e modalità di pagamento che desiderate, senza impegno vi invieremo un offerta via email.


Prezzo: 2.600,00 IVA incl. / Pz
Disponibili 1
#Guse Bornemann #Fotografia #Urban Art #Digital Art

Destinazione Merce:
Spese Spedizione: ...
Tempi di Consegna: ...
Consegna prevista: ...



Descrizione: FOTOGRAFIA GUSE - BORNEMANN ' LAGHETTO DELLE NINFEE ' dimensioni L 75 x H 50 cm.


Fotografia - Titolo " Laghetto delle Ninfee " by Ruth Güse e Dorothea Bornemann.

Tecnica: diapositiva 9 x 12 cm. sviluppo E6 processi alternativi.

Stampa su ChromaLux con la superficie lucida, retro illuminata.

Anno 2020 - Dimensioni L 75 x H 50 cm. - Senza cornice.

Opera Unica - Certificato di autenticità.

L' Arte digitale e la new media art hanno guadagnato un ruolo non trascurabile in una cultura sempre più dominata dal visuale.

            


 Ruth Güse                                                                                                                    Dorothea Bornemann

 Designer laureata FH Bielefeld *1963 in Detmold.                                                                       Designer laureata FH Bielefeld *1965 in Bielefeld.

Durante i nostri studi abbiamo creato le immagini di Camera Obscura e il lavoro fotografico "Funktion der Gegenstände“. Inizio del calendario alchemico con il banco ottico, lavoro congiunto di diploma di fotografia sperimentale con 9 x 12 diapositive. Partecipazione alla pubblicazione di FH sulla fotografia innovativa, autori il Prof. Dr. Gudrun Scholz e il Prof. K.-M. Holzhäuser.

Mostre:        

Luglio 2021 Soho Photo Gallery in New York Mostra „Processi alternativi“.

Gennaio 2020 Mostra „Bellezza Femminile Evento artistico Mazzoleni, Alzano, Bergamo.

Agosto 2020 mostra „Rinascimento Italiano“ Fondazione Mazzoleni, Alzano, Bergamo.

Settembre 2019 mostra „Identità“, Lemgo.

Aprile 2019 Mostra „Lebensbilder“, Bielefeld.

Esposto al Museum Waldhof, Bielefeld, Wir für Lippe, HornBad Meinberg, „nudi maschili“ VHS Detmold, „tracce di lettura“ Neue Zeit, tra gli altri.

Inserimento di diapositive nell‘edizione annuale del Bielefelder Kunstverein, Museum Waldhof.

 

Il punto di partenza per le opere fotografiche uniche di Dorothea Bornemann e Ruth Güse è la fotografia concreta. Sembra che abbiano sviluppato qualcosa di unico nel campo della fotografia. È un ibrido di chemiogramma, shadografia e molto altro ancora. Il lavoro va quindi assegnato al campo dell‘intersezione alla fotografia concreta. Ma è molto di più, perché il lavoro fotografico non riguarda solo la luce e il materiale sensibile alla luce, ma è anche "concreto“ e "puro“... In contrasto con la struttura piuttosto schematica e rigorosa di questo tipo di fotografia, i due fotografi giocano con le possibilità della natura e mettono in primo piano il processo di trasformazione che questi mezzi rendono possibile. Madre Terra è, in un certo senso, la vera artista - piante, polvere, terra, fiori - i cui mezzi sono impiegati con rispetto e attenzione dai due fotografi. In questo modo, gli artisti creano immagini che rappresentano una prospettiva sorprendente della realtà. La fotografia di Dorothea Bornemann e Ruth Güse si basa sull‘intuizione, una qualità piuttosto femminile. Questo è usato come un mezzo deliberato in contrasto con la procedura schematica logica della fotografia concreta. Luoghi, luoghi perduti, città e skyline sono "non scoperti“ e, attraverso la loro fotografia, trasposti in una nuova realtà che forse è sempre stata presente ma che non si vede.

In contrasto con la fotografia rappresentativa, la fotografia non rappresentativa o concreta si sforza di visualizzare le strutture di base e la questione del loro sé. Questo approccio è paragonabile, tra l‘altro, alla pittura concreta, che, a differenza della pittura astratta (fotografia), non è né simbolica né da interpretare come uno stato d‘animo o come un‘immagine della natura, ma vuole solo significare se stessa. (Solo raffigurando se stessa). Di conseguenza, questo tipo di fotografia può essere classificato anche come una sotto area dell‘arte concreta. Tuttavia, rappresenta la realtà e non solo la „fotografia stessa“. Le immagini sono volutamente scelte da noi. Usiamo i mezzi della fotografia concreta per creare la fotografia astratta! L‘attenzione è chiaramente rivolta ai mezzi della fotografia concreta: il processo fotografico, così come la fotografia stessa. Il risultato del nostro lavoro è una fotografia unica, oltre che un‘immagine riconoscibile. L‘individualità è una caratteristica forte in natura. È lo stesso in fotografia. Le nostre opere caratterizzano il gioco di luce, colore e natura. Da qualche tempo stiamo esplorando modi nuovi e inusuali rispetto alla fotografia convenzionale. Li esploriamo per sviluppare il nostro linguaggio visivo. Nelle nostre fotografie non solo la luce lascia tracce sul materiale della pellicola. Utilizziamo anche processi fisici e chimici attraverso materiali naturali. A questo scopo, le pellicole per diapositive vengono immerse in un decotto vegetale prima dell‘esposizione. Durante questo elaborato processo si formano tracce sul materiale di scorrimento. Il motivo originale viene così arbitrariamente alienato e vengono creati dei pezzi unici. Concentrandoci sui dettagli, apriamo lo spazio per la visione su due livelli, la visione di una rappresentazione realistica e una nuova interpretazione di questa realtà. I nostri motivi sono città, paesaggi e persone. Senza sapere come i processi influenzeranno il motivo scelto. Dopo lo sviluppo, il momento più emozionante è sempre guardare i risultati delle immagini. Possono apparire graffi, imperfezioni bianche. Il motivo originale è parzialmente sovrapposto, alienato o non appare più riconoscibile sullo sfondo. Nella maggior parte dei casi compaiono immagini ad alta intensità di colore, che non permettono di riconoscere la loro effettiva origine. Le immagini aprono un nuovo mondo tra natura e fotografia. Il gioco con la visualizzazione del conscio e dell‘inconscio ci ispira sempre più a nuove prospettive e sperimentazioni. Queste ci permettono di meravigliarci sempre di più della diversità e del fascino con cui la natura si rappresenta con i propri mezzi. Che tesoro unico ci si rivela. Quanto poco ne sappiamo e quanto sia in pericolo per l‘influenza di incontro con la natura, il colore, la luce e la rara radiosità delle fotografie. Il paesaggio naturalistico/culturale fotografato spesso si allontana dallo sfondo e ne emerge qualcosa di nuovo. A volte il substrato naturale distrugge il paesaggio urbano perfetto, lascia le sue tracce sul materiale diamantato. Con le nostre fotografie mostriamo quanto sia importante la natura. Così, le nostre fotografie uniche sono un richiamo per il trattamento attento dell‘ambiente. Tutte le fotografie vengono scattate con un banco ottico con 9 x 12 diapositive.

Vedi le opere di Güse - Bornemann





Richiesta Informazioni


© 2021 - ArtOnline20 S.R.L.
Live Chat offline

L' Assistente Personale è impegnato, inviaci un messaggio.